la Fisiognomica

Conoscere gli altri per osservare la loro anima attraverso una «finestra sul cuore»

Direi che fino agli anni Cinquanta del Novecento resta vera l’idea che il corpo condiziona il comportamento, essendo entrambi fattori legati alla natura.Proprio questa ipotesi ha giustificato tra l’altro i pregiudizi razziali. Dopo la seconda guerra mondiale, si fa lentamente strada l’idea che il corpo sia modificabile; molti fattori contribuiscono a questo nuovo modo di concepire il corporeo, tra cui lo sviluppo degli studi medici; le migliori condizioni economiche; volgarizzazione della psicoanalisi, con cui abbiamo imparato a non vergognarci della fisicità.
L’interesse per la fisiognomica nasce da una curiosità per così dire filosofica circa il nesso tra corpo e anima, esteriorità e interiorità. Si comprende allora che l’occhio non registra tutti i dati visivi, ma ne seleziona alcuni sulla base di uno schema mentale che riconosce gli elementi più semplici e stabili. La percezione infatti ha bisogno di organizzarsi subito in comprensione utile alla sopravvivenza.
Si può sintetizzare che il successo della fisiognomica risponde a un bisogno innato di orientamento nel mondo, soddisfatto sotto quattro punti di vista che corrispondono alle quattro funzioni della fisiognomica e che sono:

– la prima funzione previsionale o temporale, perché la lettura del corporeo utilizza le competenze della medicina.

– la seconda funzione è quella topografica o spaziale , perché la lettura del corporeo tenta di connettere ordinatamente ogni presenza terrena entro il sistema degli elementi-umori-temperamenti per semplificare la comprensione del reale.

– la terza funzione simbolica o paradigmatica , perché la congettura sul corpo-carattere diviene giudizio di valore secondo alcuni paradigmi che caratterizzano la cultura occidentale. E’ una funzione assai importante dal punto di vista letterario: la fisiognomica studia il rapporto tra esterno e interno, tra corpo e carattere.

– la quarta  funzione analogica o sintagmatica, perché la congettura sul corpo-carattere combina giudizi su uomini e animali, differenziati solo da un grado diverso di complessità psicologica

Spesso queste quattro funzioni sono prese in esame completamente o da altri studiosi sono considerate solo parzialmente, ma in letteratura si registra la prevalenza della funzione simbolica in base alla quale il corpo viene considerato un ostacolo che copre la scoperta dell’interiorità. Conoscere sé significa rimuovere il soma   a favore della psiche .